Home / blog / Curiosità sul cavallo: 4 differenze tra ippica ed equitazione
equitazione

Curiosità sul cavallo: 4 differenze tra ippica ed equitazione

Il cavallo e la sua versatilità. Anche se il protagonista rimane sempre questo splendido animale, l’ippica e l’equitazione sono sport che si differenziano per numerosi aspetti. Vediamone assieme qualcuno

equitazione

Ecco alcune determinanti differenze tra ippica ed equitazione

 

     1. Unicità della razza: negli ippodromi la sola ed unica razza che lascerà segno sulla sabbia è il purosangue inglese. Di regola, il purosangue, il cavallo più veloce fra tutti, è il solo accettato a gareggiare. Diversamente, nell’equitazione, che può essere tendenzialmente di qualsiasi razza.

     2.  Inizio e fine della carriera: nell’ippica il purosangue inizia ad essere allenato già nei primi due anni di età. L’allenatore deve sfruttare al massimo le potenzialità dell’animale, che andrà in pensione prima dei dieci anni. Nel mondo dell’equitazione invece, alla stessa età un cavallo sta raggiungendo la fase adulta e ha davanti a sé ancora minimo dieci anni di lavoro.

 

Leggi anche “Curiosità sul cavallo: cosa lo spaventa”

 

        3. Docilità e carattere: il purosangue è una vera macchina da guerra. Grazie a anni e anni di selezione artificiale, alimentazione super mirata e allenamento intensivo quotidiano, il cavallo raggiunge un picco di forza e resistenza elevatissime. Hanno così tanta energia e vitalità da rendere difficile anche una semplice conduzione da terra da parte dell’uomo. Non è un caso se i cavalli da maneggio vengono portati semplicemente con capezza e lunghina, mentre i purosangue con il cif, un anello di metallo che hanno all’interno della bocca.

        4. Possibilità di utilizzo: nell’ippica, l’animale ha il solo ed unico scopo di arrivare in testa alle classifiche tramite gare di velocità su sabbia di diverse centinaia o migliaia di metri. Poi esistono anche le gare in steeplechase: gare di salto ostacoli, sempre in velocità, anche di 4 km. Ben diverso è invece l’uso dei cavalli al di fuori del campo ippico. Il cavallo da maneggio offre un maggior ventaglio di opzioni e può assumere forme camaleontiche adattandosi a seconda dell’esigenza: passeggiata, trekking, ostacoli, attacchi.

 

Rimani in sella per le prossime curiosità!

 

Flavia Del Treste

 

Seguici sulla nostra pagina Facebook Petsintheworld e rimani aggiornato sulle ultime notizie dal nostro blog.

Leggi anche

curiosità imperdibili

#LeRIflessioniDiMarina – Curiosità imperdibili sui gatti. Scopriamole!

Curiosità imperdibili sui gatti, oggi ne scopriamo alcune insieme, chicche poco note che vi sorprenderanno! …

Lascia un commento

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni per i cookie di terze parti leggi l'informativa completa. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi